Please, in order to use the application, enable script in your browser.

Alberi monumentali » dott. Raffaele Starace, agronomo


Raccolta di bellissime foto di alberi monumentali nel mondo CLICCA



















NORMATIVA 

Alberi monumentali: arrivano nuove regole e multe salatissime!

 

In Gazzetta ufficiale è stato pubblicato il Decreto interministeriale del 23 ottobre 2014 sugli alberi monumentali.
La nuova norma prevede che entro il 31 luglio 2015 i Comuni dovranno realizzare il censimento degli alberi monumentali presenti nel loro territorio; tali dati confluiranno quindi in un elenco nazionale. Entro il 31 dicembre 2015, le Regioni provvederanno a redigere gli elenchi sulla base delle proposte provenienti dai Comuni.

 

Il Decreto definisce i requisiti per la qualifica di albero monumentale, i criteri e le indicazioni da seguire per la redazione e l'aggiornamento periodico degli elenchi a livello comunale, regionale e nazionale. 
Interessante è inoltre l’istituzione del “bilancio arboreo”, strumento grazie al quale i sindaci dei Comuni sopra i 15.000 abitanti devono rendere noto agli elettori prima delle elezioni il saldo tra il numero di alberi trovati e quello degli alberi da loro piantumati.

 

ATTENZIONE: in base alle nuove disposizioni, sono previste sanzioni pesantissime contro chi danneggia questo prezioso patrimonio comune, con multe da 5.000 a 100.000 euro! - Articolo su PositanoNews CLICCA


Decreto interministeriale del 23 ottobre 2014

A r t .   4

D e f i n i z i o n e   d i   a l b e r o   m o n u m e n t a l e

1 .   A i   s e n s i   d e l l ' a r t .   7 ,   c o m m a   1 ,   d e l l a   l e g g e   1 4   g e n n a i o     2 0 1 3 ,     n .

1 0 ,   s i   i n t e n d e   p e r   « a l b e r o   m o n u m e n t a l e » :

a )   l ' a l b e r o   a d   a l t o   f u s t o   i s o l a t o   o   f a c e n t e   p a r t e     d i     f o r m a z i o n i

b o s c h i v e   n a t u r a l i     o     a r t i f i c i a l i     o v u n q u e     u b i c a t e     o v v e r o     l ' a l b e r o

s e c o l a r e   t i p i c o ,   c h e   p o s s a n o   e s s e r e   c o n s i d e r a t i   c o m e   r a r i     e s e m p i     d i

m a e s t o s i t a '   e   l o n g e v i t a ' ,   p e r   e t a '   o     d i m e n s i o n i ,     o     d i     p a r t i c o l a r e

p r e g i o   n a t u r a l i s t i c o ,     p e r     r a r i t a '     b o t a n i c a     e     p e c u l i a r i t a '     d e l l a

s p e c i e ,   o v v e r o   c h e   r e c h i n o   u n   p r e c i s o   r i f e r i m e n t o   a d   e v e n t i   o   m e m o r i e

r i l e v a n t i   d a l   p u n t o   d i   v i s t a   s t o r i c o ,   c u l t u r a l e ,   d o c u m e n t a r i o   o   d e l l e

t r a d i z i o n i   l o c a l i ;

b )   i   f i l a r i   e   l e   a l b e r a t e   d i     p a r t i c o l a r e     p r e g i o     p a e s a g g i s t i c o ,

m o n u m e n t a l e ,   s t o r i c o   e   c u l t u r a l e ,   i v i   c o m p r e s i     q u e l l i     i n s e r i t i     n e i

c e n t r i   u r b a n i ;

c )   g l i   a l b e r i   a d   a l t o   f u s t o     i n s e r i t i     i n     p a r t i c o l a r i     c o m p l e s s i

a r c h i t e t t o n i c i   d i   i m p o r t a n z a   s t o r i c a   e   c u l t u r a l e ,     q u a l i     a d     e s e m p i o

v i l l e ,   m o n a s t e r i ,   c h i e s e ,   o r t i   b o t a n i c i   e   r e s i d e n z e   s t o r i c h e   p r i v a t e .

2 .   A i   f i n i   d e l l ' i n d i v i d u a z i o n e   d e g l i   a l b e r i   m o n u m e n t a l i     s i n g o l i     o

d e l l e   f o r m a z i o n e   v e g e t a l i   m o n u m e n t a l i   d i   c u i   a l   c o m m a   1 ,   l e t t e r a     b ) ,

s i   c o n s i d e r a n o   g l i   e s e m p l a r i   a p p a r t e n e n t i   s i a   a     s p e c i e     a u t o c t o n e     -s p e c i e   n a t u r a l m e n t e   p r e s e n t i   i n   u n a   d e t e r m i n a t a   a r e a   g e o g r a f i c a   n e l l a

q u a l e   s i   s o n o   o r i g i n a t e   o   s o n o     g i u n t e     s e n z a     l ' i n t e r v e n t o     d i r e t t o ,

i n t e n z i o n a l e   o   a c c i d e n t a l e ,   d e l l ' u o m o   -   c h e   a l l o c t o n e     -     s p e c i e     n o n

a p p a r t e n e n t i     a l l a     f l o r a     o r i g i n a r i a       d i       u n a       d e t e r m i n a t a       a r e a

g e o g r a f i c a ,   m a   c h e   v i   s o n o   g i u n t e   p e r     l ' i n t e r v e n t o ,     i n t e n z i o n a l e     o

a c c i d e n t a l e ,   d e l l ' u o m o   -


 

Decreto interministeriale del 23 ottobre 2014

Art. 5

 

C r i t e r i   d i   m o n u m e n t a l i t a '

1 .   I   c r i t e r i   d i   a t t r i b u z i o n e   d e l   c a r a t t e r e   d i   m o n u m e n t a l i t a ' ,     s o n o

i   s e g u e n t i :

a )   p r e g i o   n a t u r a l i s t i c o   l e g a t o   a l l ' e t a '   e   a l l e   d i m e n s i o n i :     a s p e t t o

s t r e t t a m e n t e   l e g a t o   a l l e   p e c u l i a r i t a '   g e n e t i c h e     d i     o g n i     s p e c i e     m a

a n c h e   a l l e   c o n d i z i o n i   e c o l o g i c h e   i n   c u i   s i   t r o v a n o   a   v i v e r e   i   s i n g o l i

e s e m p l a r i   d i   u n a   s p e c i e .   I l   c r i t e r i o   d i m e n s i o n a l e ,     c h e     r i g u a r d a     l a

c i r c o n f e r e n z a     d e l     t r o n c o ,     l ' a l t e z z a     d e n d r o m e t r i c a ,     l ' a m p i e z z a     e

p r o i e z i o n e     d e l l a     c h i o m a ,     c o s t i t u i s c e     e l e m e n t o     d i     f i l t r o       n e l l a

s e l e z i o n e   i n i z i a l e     m a     n o n     e '     i m p r e s c i n d i b i l e     q u a l o r a     g l i     a l t r i

c r i t e r i   s i a n o   d i     m a g g i o r e     s i g n i f i c a t i v i t a ' .     A     t a l e     p r o p o s i t o ,     i

v a l o r i   s o g l i a   m i n i m i   d e l l a   c i r c o n f e r e n z a     s o n o     i n d i v i d u a t i     m e d i a n t e

a p p o s i t i   a t t i .   I m p o r t a n t e   n e l l a     v a l u t a z i o n e     e '     l ' a s p e t t o     r e l a t i v o

a l l a   a s p e t t a t i v a   d i   v i t a   d e l l ' e s e m p l a r e ,   c h e   d o v r a '   e s s e r e   a f f r o n t a t o.




NORMATIVA PRECEDENTECome da LEGGE 14 gennaio 2013 , n. 10

 art. 7, per albero monumentale si intende:

[…]

Art. 7

Disposizioni per la tutela e la salvaguardia degli alberi monumentali, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale

 

1. Agli effetti della presente legge e di ogni altra normativa in vigore nel territorio della Repubblica, per «albero monumentale» si intendono:


a) l'albero ad alto fusto isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali ovunque ubicate ovvero l'albero secolare tipico, che possono essere considerati come rari esempi di maestosita' e longevita', per eta' o dimensioni, o di particolare pregio naturalistico, per rarita' botanica e peculiarita' della specie, ovvero che recano un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico, culturale, documentario o delle tradizioni locali;


b) i filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale, ivi compresi quelli inseriti nei centri urbani;


c) gli alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze storiche private. 


Si precisa  che molto probabilmente il Legislatore avrà cura e modo di stilare un Regolamento di Attuazione al fine di meglio chiarire il concetto di “monumentalità” e fornire le indicazioni del caso agli addetti ai lavori ed alle Amministrazioni Pubbliche tenute alla Sua attuazione.

 


CENSIMENTO NAZIONALE DEGLI ALBERI MONUMENTALI

Faggio - Fondo dei Faggi - Cottanello - Rieti

Nel 1982 il Corpo forestale dello Stato lanciò il primo "Censimento nazionale degli alberi di notevole interesse", per individuare e catalogare le piante singole o in gruppi, che presentavano alcune caratteristiche particolari: dimensioni eccezionali rispetto alla specie, forme singolari, qualità estetiche e valore storico. Un'opera certosina che portò i forestali in boschi e giardini, paesi e città, montagna e campagna, per trovare e schedare i campioni della vegetazione, e per raccogliere tutti quei materiali storici e scientifici che oggi permettono di apprezzarli nella loro irripetibile "individualità". In breve le schede si riempirono di dati - altezza, diametro, stato fitosanitario, età - e nacque una nuova geografia monumentale italiana, paragonabile per rarità e pregio a quella archeologica. Da allora la ricerca non si è più interrotta: più di un terzo della superficie italiana è ricoperta da foreste e la ricerca dei patriarchi verdi nel tempo si è estesa anche alle pieghe del territorio più difficili da raggiungere. La quantità di dati raccolta nel tempo è sorprendente: l'Italia possiede un patrimonio di monumenti verdi forte di 22.000 "alberi di notevole interesse"Tra questi oltre 2.000 sono definiti di "grande interesse" e ben 150 di "eccezionale valore storico o monumentale".
Il censimento, infatti, non ha interessato gli alberi come categoria vegetale, o come risorsa economica, ma come singoli soggetti arborei che hanno una propria "individualità" per essere eccezionalmente vecchi, per essere stati protagonisti di episodi storici o per essere legati alla vita di uomini illustri o di Santi. Monumenti della natura, insomma, che si collocano accanto a quelli creati dall'uomo e costituiscono un patrimonio di inestimabile valore, da conoscere e da tutelare. 
L'iniziativa di individuare gli "alberi di notevole interesse", lanciata nell'estate del 1982, è stata condotta con entusiasmo dal personale del Corpo forestale dello Stato, che opera nelle Regioni a Statuto ordinario, e dal personale forestale delle Regioni a Statuto speciale e delle Province autonome di Trento e Bolzano. 
È chiaro che un censimento di questo tipo non può che restare aperto ad ulteriori revisioni ed acquisizioni, poiché il nostro territorio presenta tante "pieghe" che possono essere sfuggite anche all'occhio attento dei Forestali, ed è talmente ricco di storia e tradizioni locali che è difficile raccogliere tutte le testimonianze legate agli alberi. 


 (307 KB)Censimento (307 KB)




 

DOCUMENTI ED ALLEGATI TECNICI
Guida Tecnica al censimento alberi monumentali aggiornato al 22 - 05 - 2015(7.28 MB)

All. 1 - Modello di elenco (153.39 KB)

 

 

All. 2 - Scheda di segnalazione (259.35 KB)

All. 3 - Scheda di identificazione (251.4 KB)

 

 

All. 4 - Istruzioni compilazione (24.2 KB)

All. 5 - Rilevazione fusto (16.37 KB)

 

 

All. 6 - Pannello tipo (16.76 KB)

All 2 - Scheda di Segnalazione (13.16 KB)

 

 

All 3 - Scheda di Identificazione (28.59 KB)

Circolare sui valori indicativi minimi di circonferenza per specie ai sensi del Decreto 23 ottobre 2014 art. 5 c. 1 lett. a (89.17 KB)

 

 

Memorandum flusso informativo(135.95 KB)

Tabella aggiornata dei valori indicativi minimi di circonferenza per specie ai sensi del Decreto 23 ottobre 2014 art. 5 c. 1 lett. a(205.33 KB)

 

 

Precisazioni sul flusso informativo(69.25 KB)

Direttive per il censimento degli olivi monumentali (808.94 KB)

 

 

 

 







[19.07.16] Alberi monumentali della Campania: approvato il secondo elenco regionale CLICCA

Alberi Monumentali

1.       Censimento Nazionale del 1982

2.       Elenco alberi monumentali d'Italia

3.       Normativa

4.       Strumenti di lavoro

5.       Gallerie fotografiche